Violenza contro le donne: la responsabilità è di tuttə

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su email

Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Il 25 novembre è solo un giorno, quello che abbiamo scelto per ricordare al mondo intero i volti, le storie, i numeri, di tutte quelle donne che sono state massacrate dal patriarcato.

Eppure la responsabilità della violenza non è solo di chi questa violenza la compie, ma è una responsabilità “condivisa”.

Ogni giorno tuttə noi ne siamo responsabili, senza neanche rendercene conto.

Ne siamo responsabili, ad esempio, quando ridiamo ad una battuta sessista, quando sentiamo un uomo, ma anche una donna, insultare un’altra con i termini più gettonati: t*oia, pu**ana, porca, vacca, cagna e tutti quelli che vi vengono in mente, e non interveniamo.

Perché? Perché è lì che si annida il Patriarcato. È lì che si coltiva la convinzione più profonda che la  donna sia un oggetto ad uso e consumo dell’uomo, che debba rientrare negli schemi che sono stati stabiliti per lei.
Donna dedita alla famiglia ad ogni costo. Donna mai proprietaria di un corpo che è suo ma che, in realtà, non è previsto venga utilizzato ad altri scopi se non per soddisfare un marito o un compagno, e dare al mondo dei bambini.

E se provi a liberarti da queste catene con le quali sei nata e cresciuta, se ti ribelli alla società, agli schemi, o ad un marito/compagno/parente violento, abusatore, c’è una buona possibilità che tu venga malamente giudicata (nel migliore dei casi) o brutalmente uccisa.

Ogni 3 giorni una di noi muore. Il 70% delle volte l’assassino ha le chiavi di casa.

Ecco perché alla battuta sessista, agli insulti gratuiti, noi abbiamo il dovere di intervenire. Di beccarci probabilmente qualche occhiata di disapprovazione, di apparire impopolari. Ma dobbiamo provare a spiegare a chi abbiamo davanti perché è sbagliato. Dobbiamo provare a spezzare le catene, dobbiamo provare a piantare un seme di consapevolezza.

Il duro lavoro del delegittimare la violenza contro le donne deve essere compiuto ogni giorno, ed è un lavoro che passa attraverso le “piccole” cose.

Il 25 novembre è solo la giornata che abbiamo scelto per ricordare le vittime del Femminicidio, chi è stata assassinata per avere una colpa soltanto: essere nata donna.

Tutti gli altri giorni sono quelli del lavoro, della responsabilità, della lotta, della resistenza al Patriarcato.
Non dimentichiamolo mai.
Lili Black Sugar

Lili Black Sugar

Esordisce sul palcoscenico della vita in un fresco 2 Novembre di qualche anno fa. Nata sotto il segno dello scorpione, dominata da Marte e Plutone, il Dio della Guerra e quello dell’Oscurità. E mentre tutto di lei lascia presagire un carattere scontroso, ribelle e instabile, sembra essere invece destinata a portare amore e calore nella vita di chiunque la incontri. Occhi scuri e pelle chiara, siciliana trapiantata e innamorata incurabilmente di Milano. Ama le giornate luminose ma è irrimediabilmente attratta dallo splendore della Luna e delle stelle. Vive una vita di contrasti, in cui la sua musa ispiratrice è l’incarnazione della tempesta e della fierezza che, insanabilmente, fa a pugni con l’insicurezza che spesso la trattiene. Ha scelto di essere una Fanfarlo per spogliarsi come i fiori in autunno, petalo dopo petalo, di tutte le incertezze per poi rivestirsi di piume e fantasia.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti aggiorneremo sui prossimi eventi targati Fanfarlo!